martedì 22 maggio 2012

Porterò me stesso al confine del mondo per sentirne i profumi, gli odori, per sentire che la vita c'è, è presente in ogni atomo nella luce bianca del cielo, nella luce scura della terra. Porterò ogni mia cellula  nel centro dell'universo, sulla scia delle comete, un viaggio senza fine oltre le galassie, intorno al sole di un tempo e di una realtà che esiste solo nel cuore dei poeti. Strade invisibili percorrerò per rinnovare il mio esistere, per dare forma e sostanza a un nuovo essere.

Nessun commento:

Posta un commento