venerdì 9 ottobre 2009

MALINCONIA DELLA SERA

Gli spazi si dilatano e si restringono, i passaggi difficili sono scritti sulla mia pelle. Segnati nel candore del silenzio rimangono i tanti pensieri che non trovano collocazione benevola al di la della cortina di fumo e nebbia dei miei occhi. Spengo i sensi come se la notte se li portasse con se, lontano, per purificarli c'è solo il battito d'ali di una falena.

Nessun commento:

Posta un commento