sabato 10 ottobre 2009

FIGLIO DEL VENTO

il bambino si stese sul prato, chiuse gli occhi come a trattenere il bagliore dell'ultimo sole d'estate, con la sola forza del pensiero spostava le nuvole e le spingeva oltre, sempre più lontano perchè pensava così che anche i brutti sogni della notte se ne sarebbero andati e così le sue paure si sarebbero disciolte nel nulla. Nel suo nido d'erba SI SENTIVA FIGLIO DEL VENTO e la terra lo teneva a se come una madre

Nessun commento:

Posta un commento